Cammino dei Trabocchi | Autunno

  • Autunno sul cammino dei Trabocchi

    30 Ottobre > 3 Novembre 2024

da mercoledì 30 ottobre a domenica 3 novembre 2024 1 Foglia 5 giorni / 4 notti

Autunno in cammino quasi sempre in riva al mare, tra le iridescenze della magnetite nella sabbia e il verde della macchia mediterranea che donano al paesaggio colori inusuali.
Cammineremo lungo un tratto di costa caratterizzato dai trabocchi, antiche macchine da pesca a rete.
Gabriele D’Annunzio, “il vate”, così descrive i trabocchi: [… il legno esposto per anni e anni al sole, alla pioggia, alla raffica, mostrava tutte le fibre, metteva fuori tutte le sue asprezze e tutti i suoi nocchi, rivelava tutte le particolarità resistenti della sua struttura, … si faceva candido come una tibia o lucido come l’argento o grigiastro come la selce, acquistava un carattere e una significazione speciali, un’impronta distinta come quella d’una persona su cui la vecchiaia e la sofferenza avesser compiuto la loro opera crudele…].

Partenza da Ortona destinazione Vasto, lungo la “green way” che unisce alcune delle Riserve Naturali sulla costa abruzzese (la Riserva di Punta dell’Acquabella, la Riserva della Grotta delle Farfalle, la Riserva Lecceta di Torino di Sangro e la Riserva di Punta Aderci).
Cammineremo su quello che un tempo era il vecchio tracciato della ferrovia adriatica, in gran parte dismesso e ripristinato a pista ciclabile.

Un cammino che inizia nella storia recente (la pesca dai trabocchi, la transumanza sul Regio Tratturo per terminare in un’area che si mantiene poco conosciuta nonostante gli ampi tratti ancora integri; e il contrasto tra le riserve naturali e le aree portuali di Ortona e di Vasto aumenterà il valore delle spiaggette nascoste e dei promontori mozzafiato.

IL CAMMINO GIORNO PER GIORNO

Punto di ritrovo a Ortona da dove, dopo aver visitato il centro storico e il castello aragonese a strapiombo sul mare, muoveremo verso sud; raggiungeremo San Vito Chietino, luogo tanto caro a Gabriele D’Annunzio che lo elesse a eremo delle sue passioni e che scrisse di uno dei trabocchi nel romanzo Il Trionfo della Morte.

Proseguiremo verso Fossacesia, con la spettacolare abbazia romanica di San Giovanni in Venere circondata dagli uliveti e successivamente alla spianata ove si ergeva il monastero di Santo Stefano in Rivo Maris coi suoi vigneti che digradano verso il mare.
Infine attraverseremo la riserva di Punta Aderci, col suo promontorio immerso nel blu, per arrivare al paese di Vasto, che dall’alto domina la costa fino alla Puglia per concludere il cammino sull’ampia spiaggia della Marina.

Ottobre - Novembre 2024

Mercoledì 30 ottobre
Ritrovo – ore 16.00 : Stazione ferroviaria FS di Ortona, incontro con la guida, visita di Ortona e sistemazione
Giovedì 31 ottobre
Da Ortona a Fossacesia, dislivello: 150 m in salita, 100 m in discesa, 5 ore di cammino
Venerdì 1 novembre
Da Fossacesia a Casalbordino, dislivello: 150 m in salita, 100 m in discesa, 5 ore di cammino
Sabato 2 novembre
Da Casalbordino a Punta Penna, dislivello: 150 m in salita, 150 m in discesa, 4 ore di cammino.
Trasferimento a Vasto con bus di linea
domenica 3 novembre
da Vasto (visita del centro storico) alla Marina Vasto , 50 m in salita, 200 m in discesa, 3 ore di cammino.
Saluti e partenza

INFO UTILI

Punto di incontro: incontro con la guida mercoledì 30 ottobre 2024 ore 16.00 – alla stazione ferroviaria FS di Ortona.

Punto di rientro: domenica 3 novembre 2024 alle ore 14.00 alla stazione ferroviaria FS di Vasto-S.Salvo.

Come arrivare al punto di incontro: Ortona è raggiungibile con

  • rete ferroviaria FS Bologna-Pescara-Foggia
  • servizi pullman nazionali (Flixbus), interregionali (TUA, SATAM, Prontobus)
  • in auto tramite Autostrada A14 – casello Ortona

Dettagli